Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paullese (4)

(ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale)   Quarto capitolo Di troppa f**a si muore !   Partiamo da questa recente notizia: Muore d’infarto mentre fa sesso in un viaggio d’affari: per la Corte di Parigi è un «incidente sul lavoro» Direi che tutto comincia ad avere un senso. … Continua a leggere Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paullese (4)

Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paulesse (3)

(ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale) Don Lamborghin   Nella profonda provincia del nord, quella ricca, spesso ipocrita e misteriosa (per intenderci), negli ultimi anni ne sono successe di tutti i colori. Per lo più ha prevalso il nero. Vi sarà senz’altro capitato di assistere in tv, dopo … Continua a leggere Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paulesse (3)

Storie milanesi: reggiseno&giradischi

  A pochi anni dalla fine della seconda guerra mondiale la tradizionale fiera milanese di Sant’Ambrogio, conosciuta come “la Fêra di Oh Bej! Oh Bej!”, aveva ripreso vigore e, sia pure a proprio modo, partecipava attivamente alla rinascita della città. Un segnale di fiducia che si manifestava in maniera disordinata ma efficace: puntava infatti a … Continua a leggere Storie milanesi: reggiseno&giradischi

Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paullese (2)

(ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale) secondo capitolo Il Motel con la cappella     Qui da noi in provincia, i preti hanno sempre dettato, o cercato di dettare, legge. Ora, da qualche tempo, pare abbian voluto metter bocca (?) anche sul sesso clandestino. Sembra infatti vi sia … Continua a leggere Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paullese (2)

Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paullese (1° capitolo)

(ogni riferimento a persone esistenti o a fatti realmente accaduti è puramente casuale) “Casa chiesa e Paullesa”     Da noi si dice “casa, chiesa e Paullesa” (con licenza poetica). Sta a significare che, nonostante tu dia l’impressione di essere timorata dal signore, in noi hai sempre alimentato il sospetto di avere una seconda identità. … Continua a leggere Processioni, cappelle ed inseguimenti sulla ss Paullese (1° capitolo)

I nuovi Watussi

Era stato scientificamente provato e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale che la popolazione maggiorenne di Cremona era più alta di quella di Crema. Dati statisticamente inequivocabili e senza scarpe: cremonesi cm. 167; cremaschi (dopo accurata verifica) cm 165, 795. Immediata la reazione dei notabili gerundini: “Colpa del Barbarossa.” In seduta straordinaria il Consiglio comunale della Repubblica … Continua a leggere I nuovi Watussi

Storie milanesi: ne vuoi un po’ ?

  La Strada Bassa era luogo di avventure, di rifugio, di certezze. Qualche volta anche di appuntamenti galanti che il più delle volte si traducevano in un bacio sulla bocca, però senza lingua. Lì abbiamo sistemato mandrie di cavalli selvaggi che il giorno dopo avremmo cavalcato fino a domarle. Rimaneva da stabilire chi avrebbe fatto … Continua a leggere Storie milanesi: ne vuoi un po’ ?

Hay la bamba…

Nel linguaggio in uso tra alcuni avventori della Locanda, soprannominati “i consumati”, cioè coloro che potevano vantare almeno un trentina d’anni trascorsi nelle trincee della periferia, vigeva un lessico particolare che, si dice, affondasse le radici nel lontano 1848. Insomma, si giocava sulla trasposizione delle sillabe per mandare in confusione le spie di Radetsky. La … Continua a leggere Hay la bamba…

Effetto “sioccante”

Presbitero il variopinto, cosi apostrofato per l’originalità della capigliatura, apparteneva alla piccola nobiltà terriera della Val Ditirambo, luogo di villeggiature noto per le celebrazione estive di riti dionisiaci a carattere tumultuoso e orgiastico. Durante la bassa stagione passava il tempo giocando con il biliardino elettrico, noto alla masnada come “el fliper”. Sull’argomento poteva esibire una … Continua a leggere Effetto “sioccante”

Storie milanesi: Parco Lambro

Era presente al primo raduno e si chiamava Maria. Nel 1971 Ballabio, sulla sponda lecchese del lago di Como, era un bel posto per cantare in libertà, come già avevano fatto quelli di Woodstock, in America. Lì avrebbe incontrato tanti come lei, che sapevano ascoltare le parole del vento e leggere la poesia dei fiori. … Continua a leggere Storie milanesi: Parco Lambro

Misoginia 0.4

Fateci caso. Sono all’incirca le otto del mattino. Un uomo qualsiasi cammina per strada, con la sinistra regge una borsa modello Monsù Travet mentre l’altra mano sta distrattamente frugando nella tasca del soprabito. Fischietta. Si accosta alla modesta porta di un’altrettanto anonima palazzina, sede di una piccola azienda che annuncia il suo quotidiano daffare con … Continua a leggere Misoginia 0.4

Storie milanesi: la casa dello studente

        Conobbi Bacchino Folli alla Casa dello studente di viale Romagna. Un tipo scorbutico che si professava artista pittorico e che guardava con sufficienza e sospetto tutti coloro che armeggiavano con pennelli e colori. Aveva venduto abbastanza bene un paio di “croste” astratte, conseguenza, più che altro, di sbronze furibonde che non … Continua a leggere Storie milanesi: la casa dello studente

Storie milanesi: la mia città

  Milano, città di bauscioni con le maniche rimboccate anche d’inverno. Milano che rimprovera alla Natura di non avergli regalato un lembo di mare. Milano che sembra vivere anche di notte, ma son tutte balle. Milano che domattina bisogna ricominciare alle sei, però se fossero le otto sarebbe meglio. Mi fermo qui, perché la Milano … Continua a leggere Storie milanesi: la mia città

Carteggio scolastico

Messaggio all’attenzione del signor preside Causa rottura freni bicicletta impossibilitato affrontare prova compito in classe latino. Invio a parte calco giustificativo protesi dentaria. Preside a prof latino Lei ne sa qualcosa? No. ma l’unico assente è lui, del resto come previsto. Provveda a contattare la famiglia e conoscere le condizioni del ragazzo. Prof latino a … Continua a leggere Carteggio scolastico

Storie milanesi: Una storia inventata (forse)

  “Mi sa tanto che perdi tempo. Di quelli che scendevano in Romana prima della guerra forse non c’è più nessuno e anche la trattoria è andata in malora poco dopo. Lo scalo, la Tecnomasio, le Smalterie e altre fabbriche… di bombe ne sono cadute tante. Lascia perdere.” La “trattoria” forse non l’ho mai vista, … Continua a leggere Storie milanesi: Una storia inventata (forse)

Storie milanesi: in via Torricelli, modestamente

  Nelle sere d’estate era quasi d’obbligo andare a mangiare il gelato dove lo facevano “più buono”. Sì, ma io non ho in tasca una lira. Neanche io. E allora? Andiamo lo stesso e ci accontentiamo di guardare quelli che mangiano il gelato “più buono”. La logica era ferrea: ci accontentiamo, pur di rimuovere il … Continua a leggere Storie milanesi: in via Torricelli, modestamente

PUB LOVE

(Quello che succede al Pub Love voi non lo sapete. Intendo dire quello che succede dentro ma anche fuori, nel parcheggio o sul retro, oppure davanti all’entrata sotto la scritta al neon dove si esce a fumare tra un drink e l’altro.  Voi non lo sapete e noi, alla nostra maniera, ve lo raccontiamo, perchè … Continua a leggere PUB LOVE

Il viaggio dei viaggi

1 il viaggio dei viaggi Tutto questo succedeva prima del viaggio dei viaggi. Normalità astratta, concretezza pallosa, routine, déjà vu, idem, eccetera eccetera……. Noia. Ci imbarchiamo un giorno io, lei e l’uomo Erba; prendiamo un treno. Verso quale meta ? ” dove arriva questo treno ?” ” ferma in una terra libera !” “Senza biglietto, … Continua a leggere Il viaggio dei viaggi

Pomodori

Anch’io sono del parere che certi soggetti sarebbe meglio se restassero a casa loro, che qui creano soltanto confusione. Altro che emigrazioni. Signori! Il problema reale è dato dai pomodori. Personalmente non ho nulla contro chi produce pomodori, anzi, il solo colore dell’ortaggio mi mette allegria. Come diciamo noi vecchi popolani, cinque lire in più … Continua a leggere Pomodori